Fenomenologia di Messi

Il discorso che segue non sorge dopo il magnifico primo tempo d’impresa milanista, che pure merita un omaggio (lasciate che la stampa spagnola si appelli all’errore arbitrale o alle mediocri condizioni del campo: il Barcellona ieri non ha perso per il fallo di mano di Zapata ed entrambe le squadre hanno giocato sullo stesso prato).

Messi, Milan -BarçaLionel Messi non è il calciatore più forte al mondo. Non è un’antipatia grammaticale per il grado superlativo, e nemmeno una cieca adesione ad una forma di relativismo. Probabilmente Messi è il calciatore più bravo nel dribbling stretto, sicuramente è il più premiato, ma questo non sancisce alcun criterio di verità assoluta. Si pensi al premio Nobel, autori come Tolstoj e Proust non hanno ricevuto questo riconoscimento, eppure continuano ad essere tra gli scrittori più letti ed apprezzati. La fenomenologia insegna come nella vita quotidiana ognuno di noi viva nel pre-giudizio, in una costante presa di posizione, in un’adesione a delle validità, a delle verità, ritenute tali quasi per eredità, senza averle conquistate in prima persona. Molte di queste riconfermeranno la loro validità anche dopo un’adeguata fondazione, altre riveleranno la loro inconsistenza. Tra queste s’inserisce la convinzione che Messi sia il calciatore più forte al mondo. Utilizziamo l’epoché fenomenologica, sospendiamo ogni giudizio, mettiamo tra parentesi ogni verità ingenua e limitiamoci a vedere le cose stesse. Lasciamo stare i paragoni con Maradona, entrare nella sfera del divino, del trascendentale, non farà che complicare la situazione. Limitiamoci a descrivere le cose – la fenomenologia infatti, non si pone come scienza, non vuole analizzare o spiegare le cose, ma soltanto descriverle.

Dal 2009 al 2012 Ballon d’Or, mai nessuno come lui. Benissimo. Ma è forse un caso che, a parte l’outsider C.Ronaldo, gli altri due candidati con più voti degli ultimi quattro anni siano Iniesta e Xavi, calciatori del Barcellona? È facile essere il calciatore più forte al mondo quando giochi nella squadra più forte del mondo. I calciatori più bravi danno dove Messi riceve. I calciatori più bravi trascinano la squadra alla vittoria. In una squadra meno forte il talento di Rosario riuscirebbe a fare la differenza? Le esperienze con la Selección dicono di no. E ancora, Messi segna nel campionato spagnolo 23, 34, 31, 50 gol. La media delle ultime quattro stagioni dice che il capocannoniere della Liga segna 39 gol; il capocannoniere della Premier League viaggia ad una media di 24,5 gol, quello del campionato italiano segna in media 27,5 e quello della Bundesliga 26,75. Una bella differenza, non vi pare? Chi vince il campionato spagnolo raccoglie quasi tutti i punti a disposizione, le prime due del campionato hanno un distacco dalle altre paragonabile a quello che si vede nel campionato scozzese, dove Celtic e Rangers sono nettamente più forti delle rivali nazionali. liga

Insomma, caro Messi, se davvero sei il più forte, dimostralo. Cambia squadra, vai a vincere in altri campionati, segna 91 gol in un anno solare, giocando in Premier, in serie A o anche in Bundesliga. Mourinho si è guadagnato l’appellativo di The Special One, ha vinto su ogni panchina. Ha avuto ed ha il coraggio di cambiare e come lui, tanti altri calciatori, tra cui il tuo acerrimo rivale Cristiano Ronaldo. Piccola Pulce, rimani in Spagna perché sai che sei un eroe solo in maglia blaugrana. Nel campionato italiano ti perderesti tra le gambe dei difensori avversari. Perché il calcio italiano non è il catenaccio, saper difendere non è un’offesa al calcio, è propriamente la tattica del calcio. Un po’ come negli scacchi, non muovi un pezzo se non è perfettamente protetto e difeso dagli altri. E allora, tornando ad Husserl e alla fenomenologia, abbandoniamo l’atteggiamento naturale che ci offre delle validità non apodittiche. Smettiamola di divinizzare Messi, che rimane sì tra i giocatori più forti al mondo, ma non è senza dubbio il più forte al mondo.

Annunci

Informazioni su claud prz

philosopher? I love poetry and football, my mother's cooking and my golden dog of course.
Questa voce è stata pubblicata in 3-6-5, Calcio e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...