LA FABBRICA DEI SOGNI

Cinefili e non: finalmente apre un nuovo spazio anche per chi, come me, è un appassionato/a della Settima Arte o per chi un venerdì sera semplicemente preferisce andare al cinema o restare a casa comodamente spaparanzato sul divano  a guardare un film.

Una rubrica di consigli su pellicole del passato e del presente, classici e non, correnti cinematografiche, critiche, insomma: tutto ciò che ha a che vedere con il grande schermo.

Per cominciare bene questo venerdì, vorrei proporvi un classico del cinema da me visionato proprio qualche giorno fa, firmato Bernardo Bertolucci, un regista nostrano acclamato a livello internazionale. La pellicola in questione è  “Il tè nel deserto”, del 1990 tratta dall’omonimo romanzo di Paul Bowles.

I protagonisti sono una coppia il cui sentimento che li tiene legati sembra essersi dissolto e risolto nella voglia di sentirsi liberi e di viaggiare fuggendo dalla decadenza della civiltà occidentale del post-guerra.

Il viaggio che intraprenderanno, attraversando l’Algeria, sarà un percorso interiore  nel cuore del deserto, patria sconfinata di popolazioni dalla cultura per noi incomprensibile che il grande regista mostra (anche se con qualche piccola distorsione della realtà, dato che i tuareg sono monogami e non poligami) in perenne conflitto con la nostra civiltà, ormai degradata.

Un viaggio di iniziazione, come quello della vita che avanza e non ce ne rendiamo conto. Meravigliosa fotografía premiata con il BAFTA e un meritatissimo Golden Globe  per la colonna sonora originale, una musica senza tempo, come è quella di Ryuichi Sakamoto.

Perchè guardare questo film? Perchè nonostante sia di produzione americana lo stile della telecamera lenta che scruta i personaggi e i luoghi in un’ aurea di mistero rende questa pellicola un cult imperdibile. Perchè la presenza del narratore del libro che osserva i suoi personaggi a distanza fa capire che il cinema supera qualsiasi altra arte, perchè le racchiude tutte.

Buona visione!

Image

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 365puntidivista, Cinema e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...