LA FABBRICA DEI SOGNI

Benvenuti ancora una volta in questo spazio dedicato alla cinemania! Oggi è venerdì e, per chi se ne fosse dimenticato, un altro film è pronto per essere sfornato direttamente dalla fabbrica dei…Sogni!

Oggi parleremo di un cult della commedia, perchè è giusto sorridere un pò quando finisce una settimana lunga e stressante. Vi sto parlando di “Prendi i soldi e scappa”, piccolo capolavoro del 1969 di un Woody Allen alle prime armi con i suoi gioiellini dell’humor.

Questa pellicola è stata realizzata a mò di documentario, in cui una voce narrante descrive a pieno le vicende del protagonista ed intrattiene lo spettatore attraverso una serie di scene esilaranti che dimostrano la straordinaria ed originale verve comica del grande Woody.

Il film si basa sulla storia di un ladro fallito, Virgil (interpretato dallo stesso Woddy Allen), che si imbatte, per vincere i suoi complessi di inferiorità, nel mondo della criminalità, portando avanti una serie di rapine e furti che degenerano in situazioni assurde e divertenti, tanto da risultare delle verie e proprie gag.

La genialità di questa pellicola è da ricercare non solo nell’inventiva di un linguaggio spigoloso e cotto a puntino, capace di riscaldare l’ironia di chiunque si trovi dinnanzi a queste fameliche vicende, ma anche nelle tecniche di regia. É giusto, infatti, considerare che si tratta del primo esperimento registico di Woody Allen, che sorprende per la capacità di unire una storia semplice di un ladruncolo da quattro soldi che non riesce in nessun colpo, con immagini d’archivio, interviste ai personaggi e colpi di scena.

Un film attuale, che potrebbe essere visto e apprezzato in qualsiasi epoca: la storia di un uomo che irrompe nella società e ne rompe il rapporto, sfidando qualsiasi regola comportamentale moralmente accettata, con in più un’ironia pungente che ne fa un cult,senza alcun dubbio.

Buon venerdì di Allen a tutti!

prendi i soldi e scappa imagine

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 365puntidivista e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...