MARTEDILIBRI

Un romanzo d’amore, una storia di intrighi e di misteri che conducono fino alle stanze segrete del palazzo del Sultano……..

……..Il mio nome è rosso di Orhan Pamuk edito in Italia da Einaudi.

Istanbul, 1591. In una città scossa da antiche inquietudini e nuovissime tentazioni, il protagonista, Nero, è incaricato dal Sultano di smascherare il feroce assassino che si nasconde tra i suoi miniaturisti. Per farlo, Nero, è disposto a tutto, anche a mettere in gioco la propria vita, perché se fallisce, non ci sarà futuro con la bella Sekure, della quale è innamorato da dodici anni.

In questo straordinario romanzo, ricco di passione e di suspense, l’autore descrive la ricchezza e la malinconia di un mondo ormai al tramonto, e nella discussione tra i due vecchi miniaturisti, Zio Effendi e Maestro Osman, riassume la lotta, il contrasto, tra modernità e tradizione che continua ancora oggi nel mondo islamico.

Orhan Pamuk è nato ad Istanbul nel 1952. E’ uno dei più importanti scrittori turchi. Tra i suoi romanzi più significativi, pubblicati in più di venticinque lingue, sono stati tradotti in italiano: Roccalba, La casa del silenzio, Il libro nero, La nuova vita, Neve. Ha vinto numerosi premi, tra cui: il Premio Grinzane Cavour, l’International IMPAC Dublin Literary Award e il prestigioso premio per la pace 2005.

Nel 2006 l’Accademia Svedese ha confermato l’eccezionale talento narrativo e la grande sensibilità poetica di Orhan Pamuk, assegnandogli il Premio Nobel per la Letteratua.

il mio nome è rosso

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 365puntidivista e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...