[dis]avventure parigine

Capitolo 5: il verlan

verlan

Fra tutti gli esempi di linguaggio colloquiale e gergale, il verlan merita un capitolo a parte. Questo consiste nell’invertire le sillabe di una parola, per arrivare a formarne un’altra di uguale significato. Il termine verlan stesso deriva da tale procedimento: l’envers (l’inverso, pronunciato “l’anver”) diventa verlan. Si tratta di un gergo di vecchia data, ma si diffonde in Francia e in particolare nella banlieue negli anni Settanta del Novecento e comincia ad avere successo tra i giovani grazie all’hip-hop. Volete degli esempi?

  • Femme (donna) → meuf
  • Copine (ragazza, fidanzata) → pineco
  • Noir (nero, persona di colore) → renoi
  • Chinois (cinese)→ noichi
  • Français (francese) → céfran
  • Frère (fratello) → reufrè
  • Parents (genitori) → renpa
  • Énervé (arrabbiato) → véner
  • Lourd (pesante, noioso) → relou
  • Fou (matto) → ouf
  • Pourri (marcio, putrido) → ripou
  • Fumer (fumare) → méfu
  • Tomber (cadere, perdere) → béton (Laisse tomber! → Laisse béton!)
  • Manger (mangiare) → géman
  • Métro (metropolitana) → tromé
  • Fête (festa, party) → teuf
  • Maison (casa) → zonmai
  • Petit (piccolo) → tipeu

 La lista è lunga e si può arrivare ad una vera e propria lingua parallela. Ma non è finita qui. Per qualche strano ed incomprensibile motivo, le parole in verlan, talvolta subiscono un’inversione ulteriore, che non le riporta esattamente alla forma originaria, ma ne crea una terza leggermente diversa: femme → meuffemeu ; petit → tipeupeuti! Ora voi capirete che per un povero straniero – già alle prese con una grammatica complessa, delle normali varianti colloquiali ed una fissazione per abbreviazioni e sigle – il verlan è la goccia che fa traboccare il vaso. Quando arrivi a Parigi e senti frasi come “Tu es ma meuf” (tu sei la mia donna), “C’est un truc de ouf!” (è una cosa da pazzi), il tuo primo istinto non è quello di cominciare a fare strani ribaltamenti di sillabe o proiezioni mentali della parola allo specchio! Pensi semplicemente che si tratti di termini a te sconosciuti e cominci a cercare volenterosamente e chiaramente invano nel vocabolario. Però, diciamocelo, questo verlan, oltre ad essere complesso e decisamente innecessario, risulta piuttosto infantile e alquanto ridicolo ..è un po’ come se in Italia – dove già ci si mettono i dialetti a complicare le cose – cominciasse ad avere successo tra la popolazione di età superiore ai dieci anni il linguaggio farfallino (quFUeFElloFO cheFE siFI paFArlaFA coFOsìFI’)!!

Annunci

Informazioni su Ti

"Si comienzas cambiando tú, ya estas cambiando el mundo.."
Questa voce è stata pubblicata in 365puntidivista, Paris e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...